/
Colombaio
Castel del Monte Bombino Nero DOCG 2016

Temperatura di servizio : 18-20° C. Alcol svolto : 12% vol BL Bombino Nero : 100
Immagine di Colombaio

Il Bombino Nero dal quale si ottiene questo vino rosato è un vitigno tipico della zona del Nord Barese.
Fu introdotto in Puglia in epoca molto antica.
I vigneti sono coltivati sui terreni collinari dell'Alta Murgia nella zona D.O.C.G. Castel del Monte.
Dalle uve vendemmiate al giusto stato di maturazione e lavorate secondo una tecnica enologica semplice e naturale si ottiene un vino rosato secco dal bouquet fruttato in particolare di piccoli frutti rossi, fresco e sapido, dal gusto morbido con aromi ben bilanciati.
Grande abbinabilità a tavola, intrigante come aperitivo.

11,00 IVA inclusa

Quantità
Hanno acquistato anche

Pezzalaruca

€8,00 IVA inclusa

Vignagrande

€9,00 IVA inclusa

Terranera

€17,00 IVA inclusa

Territorio

San Domenico e Zagaria: le due tenute dell’Azienda Agrìcola del Conte Spagnoletti Zeuli, in totale quasi 400 ettari in Agro di Andria, nella provincia di Bari. La maggior parte sono dedicati all’allevamento dell’uli­vo, mentre le propaggini collinari sono destinate a vigneti allevati a schiera di Bombino Nero di Montepulciano e Troia, vitigni da cui nasce il Castel del Monte, gloria dell’enologia locale. Propiziata da un terreno calcareo e da un clima mite, secco e soleggiato anche in inverno, la coltura dell’ulivo viene praticata secondo il tipico impianto “a vaso impal­cato “, con piante alte da 3 a 5 metri svuotate al centro, come dettato dalla tradizione locale consolidata nei secoli. Si allevano così olive di qualità Coratina e Cima di Bitonto, vanto della produzione tipica della zona set­tentrionale della provincia di Bari, che attraverso un sapiente “olivaggio ” donano un olio di notevole pregio e di eccellenti qualità organolettiche. L’Azienda ha recentemente destinato 6 ettari a vivai spe­rimentali per l’acclimatazione di ulivi di specie Leccino e Frantoio, allevati “a monocono “, coltura che agevola la potatura e la raccolta meccanica. Tutti gli uliveti sono assistiti da impianti d’irrigazione a goccia, capaci di soccorrere ogni pianta con 16 litri d’acqua all’ora.

PRODOTTI