/
SZO Rosato
Castel del Monte DOC - Rosato 2015

BL Nero di troia : 70 BL Montepulciano : 30 Temperatura di servizio : 8-10° C. Alcol svolto : 12% vol.
Immagine di SZO Rosato

L'Uva di Troia originaria dell'antica città dell'Asia Minore, importata dai Greci, da vita al rosato DOC "Castel del Monte".
Selezionata ed unita ad altre uve autoctone della nostra zona, allevate su un fecondo terrendo collinare esposto a mezzogiorno, in un microclima favorevole, origina un vino di rosato brillante con riflessi corallini e profumo di piccoli frutti, che si riscontra anche al palato con persistenza di fruttato.
Servito ad una temperatura di 8° - 10° C. rivela un'ampia possibilità di abbinamento con risotto e tagliatelle, ma in particolar modo a piatti di mezzo e grigliate di pesce.
Raccomandata per aperitivi e piatti di mare.

5,50 IVA inclusa

Quantità
Hanno acquistato anche

Pezzalaruca

€8,00 IVA inclusa

SZO Rosso

€5,50 IVA inclusa

Chiacchiericcio Rosato

€5,00 IVA inclusa

Territorio

San Domenico e Zagaria: le due tenute dell’Azienda Agrìcola del Conte Spagnoletti Zeuli, in totale quasi 400 ettari in Agro di Andria, nella provincia di Bari. La maggior parte sono dedicati all’allevamento dell’uli­vo, mentre le propaggini collinari sono destinate a vigneti allevati a schiera di Bombino Nero di Montepulciano e Troia, vitigni da cui nasce il Castel del Monte, gloria dell’enologia locale. Propiziata da un terreno calcareo e da un clima mite, secco e soleggiato anche in inverno, la coltura dell’ulivo viene praticata secondo il tipico impianto “a vaso impal­cato “, con piante alte da 3 a 5 metri svuotate al centro, come dettato dalla tradizione locale consolidata nei secoli. Si allevano così olive di qualità Coratina e Cima di Bitonto, vanto della produzione tipica della zona set­tentrionale della provincia di Bari, che attraverso un sapiente “olivaggio ” donano un olio di notevole pregio e di eccellenti qualità organolettiche. L’Azienda ha recentemente destinato 6 ettari a vivai spe­rimentali per l’acclimatazione di ulivi di specie Leccino e Frantoio, allevati “a monocono “, coltura che agevola la potatura e la raccolta meccanica. Tutti gli uliveti sono assistiti da impianti d’irrigazione a goccia, capaci di soccorrere ogni pianta con 16 litri d’acqua all’ora.

PRODOTTI